ufficio.eu

l'ufficio visto con i tuoi occhi

Categorie

Come rendere il proprio ufficio eco-compatibile

Ufficio eco-compatibile

Oggi vogliamo presentarvi un’infografica creata dallo staff di Quill Corporation, azienda dell’Illinois che vende prodotti per l’ufficio. I ragazzi di Quill hanno scelto di realizzare un’infografica perché, come affermano, “immagini e statistiche dicono più di mille parole” (“a picture-and statistics-speak a thousand words”).

Il lavoro è composto da moltissimi suggerimenti per aiutare le aziende e gli impiegati a risparmiare e a rendere il proprio ufficio eco-compatibile.

Edifici, trasporti ed emissioni di CO2

Nonostante ciò che la maggior parte delle persone crede ben il 39% delle emissioni di CO2 è generato dagli edifici che inoltre consumano ben il 70% di tutta l’energia elettrica prodotta (considerando edifici residenziali e commerciali).

Se la metà dei nuovi edifici commerciali fossero costruiti in modo da utilizzare il 50% di energia in meno rispetto allo standard attuale ci sarebbe una riduzione della produzione di CO2 pari a 6 milioni di tonnellate (corrispondente alla rimozione di 1 milione di auto dalle strade!)

Considerando la crescita di popolazione ed economia dei soli Stati Uniti, si stima che verranno costruiti 15 milioni di edifici nel solo 2015. Utilizzando metodologie di costruzioni energeticamente efficienti (realizzando cioè edifici in Classe A) si abbatterebbero le emissioni di ben il 60%!

Ci sono poi le emissioni legate ai trasporti. È stato stimato che uno statunitense spenda 47 ore all’anno nel traffico dell’ora di punta, per un totale di 3,7 miliardi di ore e 90 miliardi di litri di carburante sprecati. Ci sarebbe un grande risparmio in termini monetari ed in termini di emissioni di CO2 se si utilizzasse maggiormente il carpooling, se ci fossero in circolazione più veicoli elettrici/ibridi, se fossero utilizzati maggiormente i trasporti pubblici e se si percorressero le brevi distanze a piedi o in bici.

Ufficio, raccolta differenziata e sprechi

Dopo questa introduzione generica veniamo ai consigli dedicati agli ambienti di lavoro ed in particolare agli uffici.

Il primo punto è relativo alla carta: è stato stimato che un impiegato medio utilizzi 10000 fogli di carta ogni anno. Stampare e fotocopiare in fronte-retro comporterebbe un grandissimo risparmio per l’azienda e per l’ambiente. Inoltre non è necessario cestinare le stampe sbagliate: il retro dei fogli può essere utilizzato per prendere appunti. Se poi si utilizzassero fogli e buste realizzate con almeno il 30% di materiale riciclato si ridurrebbe notevolmente il numero di alberi abbattuti ogni anno.

La raccolta differenziata non è più prerogativa del solo ambiente residenziale: anche in ufficio può essere realizzata con successo! Mancando in ufficio molti rifiuti che solitamente si generano a casa, la differenziazione diventa ancora più semplice. Un buon inizio può essere la raccolta della carta, della plastica e delle lattine.

Spesso cartucce e toner vengono considerati usa-e-getta quando in realtà, rivolgendosi a fornitori che propongono programmi di riciclo, possono essere riutilizzati e ricaricati diverse volte mantenendo una qualità di stampa elevata. Riciclare 100000 cartucce permetterebbe di risparmiare 9599 kg di alluminio, 40 tonnellate di plastica e 1 milione di litri di petrolio!

È ovvio comunque che il modo migliore per risparmiare carta e materiale da stampa è sfruttare la tecnologia ed i documenti in formato digitale. Alcune azioni da intraprendere in questo senso sono:

  • mantenere la copia virtuale dei file invece di stamparli ed inserirli in raccoglitori;
  • controllare e condividere online i documenti prima di stamparli;
  • utilizzare solamente newsletter via email;
  • eseguire la scansione di documenti importanti e riutilizzare i fogli;
  • convertire il sistema di fatturazione al digitale.

Per quanto riguarda l’energia elettrica è stato stimato che il 30% dei consumi è relativo all’illuminazione, il 25% al riscaldamento, il 16% alle attrezzature da ufficio e il 9% al raffrescamento. Spegnendo tutti i computer al termine della giornata e impostandoli per il risparmio energetico quando non usati si otterrebbe un notevole risparmio.

Altre azione utili sono: spegnere le luci nei bagni, nei ripostigli e nelle sale riunioni quando non utilizzate; utilizzare prese multiple per computer e stampanti in modo da spegnerli a fine giornata; impostare stampanti e fotocopiatrici in modalità risparmio energetico.

Inoltre sostituire le lampadine datate con le più moderne a LED consentirebbe un grande risparmio in termini di energia consumata (anche rispetto alle lampade a risparmio energetico non LED).

Infine un comportamento green è raccomandabile quando si scelgono i materiali da utilizzare per le pulizie in ufficio. Ad esempio spugne e asciugamani riutilizzabili sono un’ottima scelta come anche la carta asciugamani realizzata utilizzando solamente carta riciclata. Saponi e detergenti è importante che siano biodegradabili.

Un’ultimo consiglio per tutte quelle aziende che acquistano online il materiale da ufficio: comprate solamente grandi quantità di materiale oppure aspettate fino a che avrete un numero elevato di prodotti da acquistare. In questo modo si ridurranno le emissioni prodotte dal trasporto ed anche la quantità di materiale da imballaggio necessario!

Di seguito l’infografica di Quill.com:

GreenHab Office

Lascia un commento

Tutti i campi sono obbligatori.
L'indirizzo email non verrà pubblicato