ufficio.eu

l'ufficio visto con i tuoi occhi

Categorie

L’arte del Feng-Shui e le 10 regole per armonizzare l’ufficio

2015-02-03 arte-feng-shui

Per mantenere la concentrazione e la serenità in ufficio ognuno ha i propri metodi. C’è chi ascolta la musica per isolarsi dal rumore, c’è chi mette le penne e le matite perfettamente allineate sempre nella stessa posizione perché questo aiuta a rilassarsi. C’è poi chi si basa sul Feng-Shui, antica arte geomantica taoista cinese, per ottenere il miglior risultato possibile in termini di armonia, cordialità e produttività in ufficio.

Omar Discepoli, Feng-Shui Teacher diplomato in Neuropatia e specializzato in Energia Vibrazionale, in un’intervista a Vanity Fair, ha spiegato quali sono le 10 regole fondamentali che, secondo il Feng-Shui, consentirebbero di armonizzare l’ufficio.

  1. Assumere una posizione corretta davanti alla scrivania che conferisca un senso di radicamento e solidità. Avere alle proprie spalle una parete, o una qualsiasi struttura che ci protegga, consente una maggiore concentrazione e di conseguenza una maggiore produttività.
  2. Poter controllare le aperture della stanza in ogni momento (porte e finestre), senza muoversi dalla propria sedia, aumenta il senso di sicurezza e serenità. Specchi o altre superfici riflettenti possono essere inserite nell’ufficio per consentire un maggiore controllo dello spazio in cui lavoriamo.
  3. Appendere foto di paesaggi con colline o spiagge paradisiache permette alla mente di spaziare e stimolano la nostra creatività consentendo di allargare (virtualmente) gli spazi ristretti all’interno dei quali lavoriamo tutti i giorni.
  4. Regolare il numero di oggetti sulla scrivania perché influisce in modo importante sulla produttività. Più sono i fogli, i libri ed i materiali da lavoro presenti sulla nostra scrivania meno saranno le novità che ci raggiungeranno. Se abbiamo un carico di lavoro troppo accentuato è di fondamentale importanza riuscire a mantenere ordinata la scrivania, pena una confusione mentale insostenibile. Se invece c’è necessità di novità (un nuovo lavoro, nuove entrate ecc.) allora è indispensabile tenere sulla scrivania solamente gli oggetti strettamente necessari: in questo modo l’universo potrà provvedere alle nostre richieste.
  5. Distanziare il nostro corpo da ogni apparecchiatura elettrica di almeno 50cm. Gli schermi piatti non danno problemi ma caricabatterie, alimentatori e mini-frigoriferi possono provocare gonfiori e problemi ad esempio alle gambe.
  6. Usare una scrivania quadrata o rettangolare per dare un senso di radicamento. In caso di riunioni è però importante utilizzare tavoli rotondi oppure ovali per permettere a tutti di guardarsi negli occhi e comunicare in maniera più semplice.
  7. È molto importante anche scegliere con attenzione il colore prevalente nella stanza in base alla propria personalità ed ai propri obiettivi lavorativi:
    • arancione: aiuta nei momenti di confusione;
    • argento: aumenta l’autostima;
    • azzurro: previene l’esaurimento nervoso;
    • bianco: seda;
    • blu: calma la mente;
    • giallo: stimola la mente;
    • indaco: richiama l’intuizione;
    • marrone: protegge dall’insicurezza;
    • nero: evita l’ipertensione emotiva;
    • oro: utile per raggiungere gli obiettivi;
    • rosa: allenta la tensione mentale;
    • rosso: diminuisce la stanchezza fisica;
    • verde: rilassa il sistema nervoso;
    • viola: richiama l’inconscio e la spiritualità.
  8. La posizione dell’ufficio rispetto al sole può incidere notevolmente sulla produttività. Lavorando in un ufficio rivolto a Nord si incorrerà più facilmente in tristezza o depressione. La luce solare consente di ottenere successo ed una buona produttività. Per questo sono ottimali gli ambienti rivolti a Est o Sud. L’Ovest è consigliato solo a chi rimane in ufficio fino a tardi.
  9. Inserire delle piante nell’ambiente lavorativo può essere un grande aiuto perchè purificano l’aria dalle sostanze inquinanti. La Dracena Marginata, ad esempio, è consigliata se nella stanza sono presenti molti computer. Il Bambu, la Sanseveria, il Spatifillo, invece, sono ottime se si lavora in ambienti con fotocopiatrici e stampanti. Se in ufficio sono presenti moquette, tappeti e pavimenti incollati, allora le piante più indicate sono l’Aloe, il Ficus e il Pathos.
  10. L’impegno nel mantenere la serenità in uffico deve essere costante. Dare il buongiorno, essere gentili e disponibili, sorridere anche nei momenti meno felici porta benessere e tranquillità. Se i vostri colleghi hanno opinioni differenti non è necessario essere prepotenti per far valere le proprie idee. Se queste saranno migliori allora il tempo vi aiuterà.

Lascia un commento

Tutti i campi sono obbligatori.
L'indirizzo email non verrà pubblicato

Commenti

  1. Pingback: Come organizzare il proprio ufficio in casa - Ufficio.eu

  2. Pingback: Mal d'ufficio, quando scatta l'insofferenza al lavoro - Ufficio.eu